foto di tazza di te, fette biscottate, marmellata, uovo e zucchero disposti su un tavolo per la colazione

Consigli per la produttività: la colazione vincente

Abbiamo già parlato dei vantaggi del lavoro da casa e dei trucchi da applicare per migliorare la propria produttività, adesso andremo nello specifico per rendere il tuo lavoro indipendente super-produttivo.

Parliamo della colazione.

Il cibo che mangiamo ha effetto sul cervello, sulle sue prestazioni e sull’umore. Senza addentrarci in discorsi troppo tecnici, andiamo per gradi.

Il cervello corrisponde di solito al 2% della massa corporea ma consuma fino al 20% dell’energia. Si tratta di un organo immensamente dispendioso che ha bisogno di essere nutrito senza essere appesantito. Uno dei nemici principali della mente è il famosissimo “abbiocco”. Quella sensazione di pesantezza e sonnolenza che di solito si presenta intorno a metà mattina e poi dopo pranzo.

Ebbene la colazione può causarti o evitarti l’abbiocco.

Fondamentalmente a colazione noi italiani vogliamo il dolce. Biscotti, croissant, brioche, la torta della nonna, la torta della zia, la torta della mamma… Non è un modo salutare per iniziare la giornata ma non possiamo farne a meno. Proprio per colpa del cervello: la nostra testolina infatti sa di necessitare carboidrati per funzionare, e gli zuccheri sono quelli che danno energia più velocemente, per questo danno dipendenza. Quella sensazione di “ebbrezza” funziona proprio come una droga.

neonato che sbadiglia ad occhi chiusiE non è un problema solo per chi ingrassa. I carboidrati ad assorbimento veloce, come il glucosio, infatti dopo quella “botta” di energia mettono il corpo in allarme “glicemia alta, rispondiamo con una altrettanta dose di insulina“. L’insulina contrasta subito l’effetto degli zuccheri nel sangue e quindi da un picco di energia elevata abbiamo subito l’effetto opposto: ecco che sopraggiunge una sensazione di calma, che poi diventa relax che in un attimo si trasforma in sonnolenza e pesantezza.

Più alto è l’apporto di zuccheri ad assorbimento veloce più forte sarà il senso di pesantezza e sonnolenza. Appunto il famoso “abbiocco”. Non è certo il modo migliore per iniziare la giornata! E non ti manterrà attivo e produttivo. Dopo i primi 40 minuti al pc arriveranno degli sbadigli enormi, e un ora e mezzo dopo ci si sentirà come se non si dorme da 30 anni.

Io non faccio colazione quindi faccio bene.

E no! Perché il cervello ha comunque bisogno di energia che proviene dai carboidrati (esistono diete a carboidrati ridottissimi chiamate diete chetogeniche ma vanno fatte sotto la guida di un esperto), ciò significa che anche così, a metà mattinata probabilmente, dopo una due ore di lavoro sentirai quella stanchezza alla quale crederai di poter rimediare con un caffè. Peccato che l’effetto della caffeina come stimolante dura circa una quarantina di minuti ed inizia solo circa mezz’oretta dopo l’assunzione. Quindi l’effetto benefico del caffé è più un ennesimo inganno del cervello che è felice di avere qualcosa di gustoso e profumato, magari anche zuccherato.

Come evitare abbiocco da zuccheri o da digiuno?

Se non puoi rinunciare al caffellatte, passa a mangiare biscotti ed altri prodotti che siano integrali ed a basso contenuto di zuccheri. Già così noterai la differenza. Se invece non sei troppo tradizionalista cerca anche di bere una bella tisana per idratarti subito dopo sveglio, poi mangiare sia il caffè con i tuoi dolcetti integrali e light, e magari mettici un frutto o due per fare il carico di vitamine.

Chi pratica molto sport, come i bodybuilder, di solito la mattina mangia il bianco d’uovo, accompagnato magari da del riso integrale, da pane integrale, qualcuno aggiunge shaker di latte e proteine. Effettivamente una bella carica di carboidrati ad assorbimento lento, più una bella dose di proteine, non solo ci tiene sazi di più e da energia a lento rilascio, ma fornisce al cervello anche amminoacidi che ci servono. Il bianco d’uovo è fonte di colina, uno dei neurotrasmettitori più importanti, che è scarso in altri cibi. Una carenza di colina causa problemi di concentrazione e memoria.

La cosa migliore sarebbe variare tra diverse colazioni salutari, anche perché i canali di accesso dei nutrienti al cervello non sono illimitati, quindi assorbire la giusta dose di tutto in un solo pasto è difficile se non impossibile.

A metà mattina uno spuntino fa più che bene. Il caffè si può bere, ma bisogna mangiarci su qualcosina che non causi un picco glicemico. Molto raccomandati frutti e frutta secca, visto che la frutta secca contiene minerali importantissimi per il funzionamento del cervello ed antiossanti come gli Omega 3.

Che poi, stiamo parlando di evitare abbiocchi e mantersi vigili ed attivi durante la mattinata. Quindi se per esempio è domenica o festa e non devi lavorare quella mattina, via libera al pane e nutella, alle crostate ed ai biscotti! Abbiamo bisogno anche di uno sfogo e di un premio dopo una settimana di duro lavoro, anche questo è un modo per tenersi produttivi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento