pc portatile e tazzina di caffé su scrivania

Come non perdersi e mantenere la produttività se si lavora da casa

Il lavoro da casa, che bella comodità, spesso ci rende la vita molto più facile…ma è sempre così?

Se chi legge ha già lavorato o lavora come freelance o libero professionista, da casa o in movimento, sa che lavorare per sé non è una passeggiata. La maggioranza delle persone che ci guarda dall’esterno vede in noi dei pigroni che non volevano fare un lavoro normale, troppo poco seri per andare anche in uno studio… allo stesso tempo ci invidiano perché pensano che lavoriamo meno degli altri e ce la godiamo.

In realtà se non ti organizzi bene, lavorare da casa può diventare uno stress totale. Ecco i problemi principali e le cause.

1. Luogo e tempo

Se lavori per i fatti tuoi e spesso gestisci parte del lavoro da casa hai un problema: sei sempre a lavoro. Praticamente ogni momento libero che hai in casa e magari potresti fare le pulizie, un poco di allenamento, un bel riposino, una cena tra amici… la testa ti dice che dovresti lavorare. Poi magari non lavori sul serio, ti metti al pc allo smartphone, fai il multitasking, ti stressi e non concludi niente. Questo è perché bisogna darsi dei luoghi e dei tempi per lavorare. Degli orari precisi in cui si lavora ed altri in cui no. In modo da sforzarsi a finire il lavoro nelle ore specifiche. Darsi anche giorni di riposo, pianificando in anticipo. Certo le eccezioni ci sono, quello è il bello della nostra vita, che possiamo fare “spazio” all’improvviso e recuperare dopo, ma tranne casi particolari, cerchiamo di svolgere almeno il 60% del lavoro secondo delle regole precise.

2. Procrastinare

Vale quanto detto sopra: sei abituato a pensare che tanto la scadenza è tra 2 settimane, lo finisco quando voglio e improvvistamente sei in ritardo. Questo perché non ti sei dato degli orari precisi.

3. Ordine

Per quanto il mito vuole che i creativi producano meglio nel caos e i geni pure, il lavoro non è sempre fatto di fasi creative. Ci sono i momenti creativi e quelli esecutivi, che sono noiosi. Uno dei modi per restare concentrati è avere il più assoluto ordine intorno , con il minor numero di oggetti alla nostra portata e sotto lo sguardo. Il nostro cervello paradossalmente consuma più energia quante più cose ci circondano. Alcuni addirittura mettono la scrivania poggiata al muro per non avere niente da guardare. Non bisogna essere così estremo, ma se hai un muro davanti mettici delle frasi che ti motivano (poche) e degli obiettivi da raggiungere. E basta.

4. Ritmi di vita

Molti di noi lavorano la notte. E di giorno sono degli zombie nervosi. Se sei sicuro che la notte dai il tuo meglio allora lavora di notte, ma potresti anche provare a dormire bene. In genere siamo geneticamente programmati per dormire la notte ed essere attivi di giorno ed il mondo va avanti di giorno mentre noi siamo stressati e con le occhiaie. Prova a ridurre le attività notturne e cerca di riposare la notte (anche se dormi di giorno non è uguale e può essere dannoso per la salute).

5. Cibi

Mangiare schifezze è la cosa peggiore per restare produttivi. Vale la stessa regola che con il caos. Genio e sregolatezza è una cosa, disciplina e portare a termine obiettivi che ci assegnano i nostri clienti è un’altra cosa. Troppi zuccheri causano abbiocco, carenze d’acqua e di sali minerali rendono il cervello lento. L’alimentazione deve essere curata al massimo per ottimizzare la produttività. Prova a usare qualche snack come incentivo ad esempio mettiti la regola che puoi mangiare un solo snack al giorno dopo aver portato a termine una serie di compiti precisi. In questo modo può aiutarti a concentrarti di più e mangiare meglio.

6. Disciplina

Fare tutte queste cose richiede disciplina. Alcuni non ne hanno abbastanza. Allora bisogna trovarsi il proprio tiranno. A volte avere “un capo” anche un poco cattivo non fa male quando si è alle prime armi sul lavoro, perché ci da disciplina. Molti di noi non sono capaci a lavorare sotto qualcuno, ma possiamo usare la tecnologia per disciplinarci. Ad esempio app che bloccano i social network ed i nostri siti preferiti per certe ore del giorno. App che ci motivano e ci tengono attivi facendolo sembrare un gioco (Habitica è una di queste, che vale la pena provare). C’è anche  l’App sveglia del Mitico The Rock che ti grida nelle orecchie. (lui si sveglia tutte le mattine alle 5, peccato non avere lo stesso fuso orario, perché l’app ha la possibilità di essere svegliati proprio quando si alza il mitico Dwayne).

Da provare. 😀

Quali sono le tue difficoltà e i tuoi trucchi per lavorare da casa?

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] la nostra serie di articoli sulla produttività soprattutto per chi lavora come Freelance, imprenditore (di se stesso o di un progetto), startupper e ha bisogno di tenersi sempre al meglio […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento