foto che mostra una parte del villaggio di Oxforell

Oxforell, un esempio eccellente di turismo accessibile in Europa

I tempi moderni ci hanno abituati ad avere rispetto e ad aprire i nostri orizzonti, soprattutto quelli mentali. Fortunatamente questo discorso di apertura verso gli altri ha fatto si che anche in Italia, la disabilità non sia più vista come una condizione ostativa, ma una sfida in piu verso l’eccellenza e il superamento di tanti limiti.

L’approccio verso la disabilità o meglio l’esigenza speciale ha spinto molti a cambiare il loro modo di vedere le cose e di riprogrammare le proprie attività avendo cura e premura della particolari istanze che provengono dalla clientela.
Anche il turismo si è adeguato meglio rispetto ad altre realtà fornendo le migliori risposte in merito al venire incontro le persone disabili.

Sui litorali sono state approntate pedane mobili che facilitano l’accesso a carrozzine alla battigia, gli hotel si sono dotate di tutte quelle accortezze idonee a rimuovere ostacoli e barriere architettoniche e tanto altro.
In Italia molti hotel, stabilimenti turistici, aziende agrituristiche e lidi balneari hanno immediatamente raccolto l’appello delle associazioni a tutela dei diversamente abili, introducendo supporti e ausili affinchè anche loro possano godere momenti ti tranquillità e relax come tutti gli altri.

I turisti con disabilità, in sensibile crescita negli ultimi anni, rappresentano un “potenziale mercato di tutto rispetto che non può più essere trascurato o sottovalutato”. Nei paesi europei le stime parlano di quasi 50 milioni di viaggiatori disabili. Se si considerano anche gli anziani, persone con disabilità temporanea, famiglie con bambini e persone con particolari esigenze alimentari dovute a malattie si arriva a 145 milioni di turisti con esigenze specifiche.

Un esempio Eccellente in Europa

L’accessibilità implica qualcosa di più delle sedie a rotelle. Con questo termine s’intende la facilità con cui tutti possono avvicinarsi, entrare e utilizzare edifici, aree esterne e altre strutture in modo indipendente e senza disposizioni speciali. Un valido esempio di questo genere di progetto viene dalla contea di Harju nell’Estonia settentrionale, dove i fondi in dotazione al PSR sono stati impiegati per la realizzazione di strutture accessibili dedicate all’attività della pesca, presso il centro rurale turistico di Oxforell.

La pesca con l’amo è un popolare passatempo degli europei, tipico del mondo rurale, e il centro di soggiorno di Oxforell, in Estonia, è stato realizzato proprio per rispondere alle esigenze dei turisti internazionali dediti alla pesca e delle loro famiglie. I fondi erogati in base al PSR sono stati assegnati a fronte di investimenti mirati alla diversificazione di attività economiche in aree rurali dell’Estonia, e questo ha comportato la realizzazione di una piattaforma di pesca per le persone diversamente abili e di servizi igienici accessibili.
Tra i risultati del progetto di sviluppo rientrano anche una nuova struttura alberghiera per i visitatori, vie di accesso alle campagne circostanti e aree di gioco per i bambini.
Quale risultato finale, l’investimento attuato nell’ambito del PSR porterà ad una diversificazione delle competenze del centro, consentendo l’offerta di una gamma più ampia di servizi e di prodotti rivolti ai settori del turismo d’affari e ricreazionale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento