Immagine di un salvadanaio a forma di maialino

Perché risparmiare sullʼaccessibilità è sbagliato

Parte 1/2

Ciao!
Lʼargomento di oggi ti permetterà di capire perchè è importante investire nellʼaccessibilità e lo vedremo in due modi, prima mettendoci dalla parte di chi sfrutta strumenti per persone diversamente abili pur essendo “normodotato” e in un secondo momento analizzando lʼerrata cultura che cʼè alla base. Vista la lunghezza di questo articolo, ho pensato di suddividerlo in due parti, questa che stai per leggere è la prima, mentre questa è la seconda ed ultima parte.

L’accessibilità a 360°

Innanzitutto voglio aprirti la mente illuminandoti sul fatto che lʼaccessibilità, in senso generico, non riguarda solo le persone diversamente abili, ma può essere dʼaiuto per ogni essere umano di ogni età. Ho scelto di condividere con te questo mio modo di vedere lʼaccessibilità perchè ne potresti trarre vantaggio mentre segui un video su una ricetta e grazie alla voce dello sceff puoi seguire tutto il processo di preparazione della ricetta senza mai toccare il tablet o lo smartphone; ma potresti anche trovarti a seguire un corso di altro genere in cui grazie ai sottotitoli riesci a capire come si scrive un determinato termine che risulta difficile da comprendere per motivi di pronuncia o perchè il termine è straniero.

Navigazione sul web e app

Per quanto riguarda, invece, la navigazione del web, dei social e delle app ti invito a pensare a quanto sia frenetica la vita al giorno dʼoggi e quanto ci abbiano aiutato strumenti come Siri o altri strumenti che saranno sul mercato a breve, come occhiali che ci permettono di avere sottocchio ciò di cui abbiamo bisogno.

Vedi, in realtà quellʼocchiali esistono già, ma anziché essere degli occhiali sono dei messaggi acustici che vengono emessi da software inventati per persone con problemi di vista.

Questi accessori possono dare benefici anche alle persone “normodotate”, dato che permettono di sfruttare lʼintero device senza estrarlo dalla tasca o senza spostare lo sguardo dalla strada.
Pensando, invece, ai sensori creati per persone con problemi dʼuditi disponibili sui device, puoi sfruttare la vibrazione o la luce del flash per ricevere un feedback dal tuo device quando ricevi una notifica o una chiamata e non vuoi disturbare perchè sei al lavoro o i bambini dormono

La seconda parte sarà online fra un paio di giorni, stay tuned!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento