Immagine che descrive l'opzione "media" di wordpress dove poter modificare video e foto e migliorare l'accessibilità

Come migliorare l’accessibilità senza ricorrere a soluzioni sofisticate

Ciao!
Come avrai letto dal titolo, oggi ti darò 4 suggerimenti per migliorare l’accessibilità di tutto ciò che pubbliche sul web (blog, pagine web e post). Il tutto senza ricorrere a soluzioni sofisticate e/o costose.

Le didascalie

Inizio parlandoti delle didascalie di ogni immagine che pubblichi, dalle fotografie ai loghi.

Sono fondamentali per permettere a chiunque non guardi il monitor, se mi segui da tempo sai che l’accessibilità non è rivolta solo a persone con problemi di vista, udito o dislessia, di capire comunque cosa rappresenti quell’immagine.
È importante descrivere l’immagine partendo dall’alto a sinistra e procedendo come se si facessero delle pennellate che, come ti ho appena detto, partono dall’angolo in alto a sinistra, vanno messi verso destra riga dopo riga fino a completare la descrizione dell’immagine.

I sottotitoli

Procedendo con il secondo punto, passiamo a parlare dei sottotitoli. Questo aspetto non riguarda solo le persone con problemi di udito perché potrebbe agevolare chiunque abbia la necessità di capire come viene scritta una determinata parola.

Ti consiglio lʼapp Clips per iPhone o Clipomatic per Android e Windows, per il Mac non ho ancora trovato un programma da consigliarti, però con le App che ti ho citato poco fa potrai fare video con i sottotitoli automatici e li puoi disporre in diverse posizioni anche se ti consiglio di tenendoli sempre in basso, fra le 2 e le 3 righe e con un contrasto che permetta sempre di leggerli facilmente.

Il font

Come terzo punto ti suggerisco di utilizzare sempre font ben leggibili e che definiscano bene le lettere distanziandole un poʼ fra loro in modo che le persone dislessiche e
discalculimiche, ma anche chiunque legga i tuoi testi, possano trarne vantaggio, affaticarsi meno e quindi leggere più volentieri.

Narrazione delle parti mute

Come quarto punto, ma non per questo meno importante, ti ricordo che anche durante un video in cui viene spiegato come preparare una ricetta, può essere importante narrare le scene che non necessitano di spiegazione, ma se vengono narrate agevolano chi sta guardando il video perché gli permettono di capire ciò che sta avvenendo anche senza spostare lo sguardo dalla pentola al monitor.

Con questo breve post spero di averti illustrato rapidamente i quattro aspetti fondamentali per garantire l’accessibilità a tutti su ogni elemento che pubblicherai sul web. Ricapitolando abbiamo trattato le didascalie per le immagini, i sottotitoli per i video, la qualità del font e la narrazione delle parti mute.

Mi auguro di essere stata chiara e soddisfacente, rimanendo comunque a tua disposizione e ricordandoti di seguire sempre la mia pagina Facebook attraverso la quale potrai essere sempre informato.

Un abbraccio e a mercoledì!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento